Stampa

San Miniato Basso, inaugurata la nuova Piazzetta del Campino

Ultima modifica

Dimensioni testo:

Gabbanini: “Così torna a vivere un luogo-simbolo del paese”

Taglio del nastro per la nuova Piazzetta del Campino a San Miniato Basso. In tanti hanno sfidato il grande freddo domenica mattina (16 dicembre) per partecipare ad una cerimonia molto sentita in tutto il paese. Ad inaugurare la piazza è stato il sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini, insieme all'assessore Marzia Fattori e al presidente del consiglio regionale Eugenio Giani, alla presenza di molti cittadini e dei ragazzi della Folgore Pallavolo.

“Con grande soddisfazione abbiamo inaugurato una piazza importantissima per tutta la comunità di San Miniato Basso, il cuore pulsante della storia del Pinocchio, un paese che proprio qui ha visto crescere generazioni di giovani: la nuova Piazzetta del Campino – spiega il sindaco -. Desidero ringraziare la Parrocchia di San Miniato Basso che ha seguito insieme all’amministrazione la riqualificazione di quest'area, i commercianti di San Miniato Basso, le associazioni e la Consulta dove è stato avviato un lungo percorso che ha poi determinato la scelta di questa intitolazione, nata dalla volontà dei cittadini”.
I tempi previsti per i lavori (costo 156mila euro di risorse comunali) si sono allungati per alcune difficoltà sorte durante la riqualificazione che ha offerto alla Città una piazza nuova e fruibile da parte di tutti.

“Prima dell’intervento in quest’area c’erano il nostro amato 'campino' di pallavolo dove anche io trascorrevo lunghi pomeriggi di gioco, durante la mia infanzia, in compagnia dei miei amici – ha ricordato il sindaco -. Nel campino c’era quella che io consideravo la mia seconda famiglia, dove il nostro parroco Don Vinicio Vivaldi ci insegnava l’aggregazione e la solidarietà, facendoci sentire parte di un gruppo, di una vera comunità”. Alla cerimonia erano presenti anche molti dei “ragazzi del Campino”. “Devo molto a quel periodo, a questo luogo e alla comunità nata all’ombra del campino e fatta di persone, alcune della quali oggi non ci sono più e per questo ha doppiamente valore per me aver potuto dare un volto nuovo a questa piazza. E’ anche un omaggio a loro e al ricordo prezioso che ne conservo”, spiega ancora il sindaco.

“Grazie ai lavori appena conclusi oggi restituiamo alla comunità uno spazio perfettamente inserito nel contesto urbano, dove è stata migliorata l’accessibilità al sagrato della nuova Chiesa della Trasfigurazione, e dove la sosta adesso è regolamentata dagli stalli – precisa l'assessore ai lavori pubblici Marzia Fattori -. Per il pavimento è stato scelto un cemento architettonico con pochissimo impatto sull’ambiente, mentre non si è voluto rinunciare anche alla messa a dimora di piante ad alto fusto, alberi che, una volta cresciuti, daranno respiro a tutto lo spazio”.

“Oggi il Pinocchio ha una piazza tutta nuova, bellissima, accessibile, che arricchisce il volto di un paese ricco di attività commerciali e servizi, restando al passo dei tempi che avanzano, ma con uno sguardo ben saldo a tutto quello che ha rappresentato per quella generazione di ragazzi, come me, nati e cresciuti all’ombra del campanile – e conclude il sindaco -. Con questa cerimonia vi consegno 'le chiavi' d’accesso del un luogo-simbolo di San Miniato Basso: abbiatene cura e custoditela come noi ragazzi ci prendevamo cura del nostro amato campino”.

Area riservata

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione e personalizzare i contenuti. Per avere maggiori informazioni sui cookie utilizzati leggi la nostra INFORMATIVA COOKIE.

Clicca su "Accetto" per accettare e proseguire

Modulo cookie by Web Prato