Stampa

In tanti alla cerimonia di consegna del premio a Sandra Bonsanti

Ultima modifica

Dimensioni testo:

Osservato un minuto di silenzio per Antonio Megalizzi il giornalista ucciso a Strasburgo

La cerimonia di consegna del Premio giornalistico intitolato a "Roberto Ghinetti", si è aperta con un minuto di silenzio per Antonio Megalizzi, il giornalista ucciso a Strasburgo durante l'attentato ai mercatini di Natale. A chiederlo è stato il sindaco di San Miniato, Vittorio Gabbanini, nel suo discorso di apertura, all'indomani della tragica notizia che ha fatto eco in tutto il Paese. Tutta la platea, gremita per l'occasione, si è alzata in piedi per rendere omaggio al giovane reporter. La mattina è poi entrata nel vivo delle premiazioni a cui hanno partecipato il direttore del quotidiano il Tirreno Luigi Vicinanza, il rappresentante dell'Associazione Stampa Toscana Stefano Fabbri e il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani. Ad Andrea Marotta giornalista del TGR Toscana è andato il premio della sezione giovani, mentre la XXV edizione del premio è andata a Sandra Bonsanti, una delle firme più prestigiose de la Repubblica, il quotidiano per il quale ha raccontato i più grandi misteri italiani, da Licio Gelli a Roberto Calvi, fino alle stragi di mafia. Ha lavorato anche a “Il Mondo”, “Epoca”, “Panorama”, “La Stampa” e ha diretto “Il Tirreno”.

La cerimonia si è svolta in una nella Sala delle Sette Virtù gremita di giovani, grazie alla presenza di alcune classi degli Istituti superiori cittadini. Sono state lette le motivazioni che hanno portato alla scelta dei due candidati ed è stato consegnato loro il consueto piatto di ceramica reaizzato da un artista di San Miniato. Ma per la XXV edizione l'amministrazione comunale ha voluto fare di più, donando ai due giornalisti una medaglia d'argento realizzata nel 1985 per i 150 anni dalla nascita di Giosuè Carducci, omaggio che il sindaco ha voluto donare anche al direttore Vicinanza per sottolineare la collaborazione e l'impegno con un giornale che, insieme al Comune, da tanti anni permette la realizzazione di questo importante premio. Presente alla cerimonia anche la sorella di Roberto Ghinetti, Sandra, alla quale il sindaco ha donato un mazzo di fiori.

"Questo è stato il mio ultimo premio Ghinetti da sindaco e non nascondo un po' di emozione - spiega Gabbanini -. Sono felice di aver consegnato questo ambìto riconoscimento a due giornalisti del calibro di Sandra Bonsanti e Andrea Marotta, ai quali va il mio più sincero ringraziamento per l'impegno e la dedizione con cui hanno svolto il loro lavoro, facendo una corretta informazione nonostante le difficoltà del momento che stiamo attraversando, dove spesso i social e le fake news ci portano fuori strada. Grazie perché voi ci dimostrate che fare del buon giornalismo è possibile e necessario". Al termine della mattina i ragazzi delle scuole superiori cittadine hanno rivolto alcune domande ai premiati e agli ospiti in un importate momento di confronto e riflessione sul ruolo del giornalismo oggi.

Area riservata

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione e personalizzare i contenuti. Per avere maggiori informazioni sui cookie utilizzati leggi la nostra INFORMATIVA COOKIE.

Clicca su "Accetto" per accettare e proseguire

Modulo cookie by Web Prato